Translate

il Sangue di Cristo..

La Madonna ha usato l’elemento del sangue e dell’olio per farci capire che il mondo può veramente avere grandi vantaggi se fonda tutto sul Sangue di Cristo e se si lascia condurre dall’azione dello Spirito Santo. La Croce del Signore è libertà interiore, quella che ti fa morire anche dentro un lager senza sentirti in galera. Tu incontri Cristo non in una situazione pacifica, ma nelle contraddizioni.
La Madonna sta chiedendo di incanalare tutto lo sviluppo del nostro “andare” in una traiettoria maggiormente Eucaristica. Più siamo Eucaristici, più siamo di Gesù: tutte le volte che vivremo e faremo atti di comunione con Colui che si spezza e si dona, più saremo “a casa”, a Nazaret, a Betlemme, nel cuore della Chiesa. Manduria è il segno vivo e vero della contraddizione.
Chi ha fatto l’esperienza di Celeste Verdura, ne è uscito purificato. Ha fatto l’esperienza di entrare in una dimensione che non appartiene a questo mondo: da quando la Signora ha poggiato i Suoi piedi, è diventata un lembo di cielo. Entrando in Celeste Verdura noi abbiamo la sensazione di un rapimento, cioè i problemi che portiamo con noi rimangono, ma sentiamo uno stato di leggerezza spirituale: è come se questi problemi non fossero più nostri: ci venissero incontro ma non ci pesassero più come quando siamo entrati. Ed è questo “accompagnare” della Madonna. Più ci innamoriamo della Madonna, più riusciamo a guarire dai nostri problemi. E se poi ubbidiamo alle Sue parole e facciamo nostre queste “medicine” dell’anima che ci dona con l’Olio benedetto, facciamo parte di questa Famiglia di Maria, e la Madonna ci assicura con questi segni di croce che siamo sotto la Sua benedizione, e paralizza con l’atto dell’unzione l’azione del demonio.
La Madonna è preoccupata per le nostre famiglie che versano in una situazione apocalittica. Come fanno i nostri figli ad andare verso questa società così violenta ed aggressiva, se non hanno dentro un fondo di sicurezza che parte dal cuore della famiglia? Tante famiglie invece vivono dentro la divisione più totale. Questa divisione è l’effetto della mancanza di fede.
La Madonna è venuta a tagliare con una grande forbice questa catena tremenda del male, perché quando Gesù è venuto “altro Uomo” per anteporsi all’attività terribile del male, ha detto: “Io faccio nuove tutte le cose”. Ma il mondo l’ha rifiutato, ed è per questo che i frutti della Redenzione dobbiamo ancora aspettare a vederli. Gesù non ha finito di redimerci. Ed è per questo che ci occorre la Corredentrice! Lei deve rivelarci questo Piano infinito del Signore Gesù.

Allegati

Manduria :Getsemani Mariano: il calcagno di Maria SS.ma



Attraverso la foto satellitare del luogo, chiamato Celeste Verdura, ove la Vergine dell’Eucaristia, per Volere Divino, ha posato il Suo piede, è possibile notare che, tracciando il perimetro di questo luogo benedetto, viene fuori proprio il disegno di una “scarpa”.
            I più scettici potrebbero pensare che si tratti di un caso, ma conoscendo questa apparizione sin nelle sue profondità, anche teologiche se vogliamo, tutto ci fa pensare che Dio abbia voluto proprio lasciare la “Sua impronta”, dando così voce a quello in cui si parla nella Sacra Scrittura, del “calcagno” della Donna vestita di Sole.
            E la Vergine dell’Eucaristia, venendo proprio nel Sud dell’Italia, in Puglia, che dello stivale ne costituisce il calcagno, sembra incarnare proprio queste parole e ingaggiare così la battaglia finale insieme a coloro che a Lei si consacreranno.
            Nel corso della storia, la Puglia è stata anche la “terra” di grandi strumenti di Dio:
- S. Pietro, il primo Papa della chiesa cristiana, che è sbarcato proprio nelle vicinanze di Manduria (San Pietro in Bevagna) ed ha iniziato da qui l’evangelizzazione dell’Italia (si conserva ancora il pozzo dove ha cominciato a battezzare i pagani!)
- S. Michele Arcangelo, che è apparso sul monte S. Angelo.
- Melania de la Salette, che ha ricevuto il primo grande messaggio sugli Ultimi Tempi che non si è ancora compiuto totalmente (E’ sepolta nella cattedrale di Altamura)
- Luisa Piccarreta. a cui sono stati dettati decine di libri su “La divina Volontà”. (E’ sepolta in una chiesa di Corato)
- S. Padre Pio (il grande martire del secolo 20°), che nei suoi scritti aveva già annunciato diverse Apparizioni della Vergine.
            Per non parlare di tutti i martiri cristiani che durante le incursioni barbariche hanno testimoniato con la vita la loro fede. E’ dunque terra di santi!
            Nella terra di Manduria, dopo le prime Apparizioni preparatorie avvenute in luoghi differenti, attraverso i quali la Santa Vergine vorrà benedire il territorio con una geografia misteriosa, invita Debora ad attenderla in un luogo, che presto le farà conoscere.
            La notte fra il 30 aprile e il 1° maggio 1993, Debora ha un sogno: «Mi trovavo in una campagna: c’erano molte pietre e alberi di ulivo. Una luce vivissima e chiara veniva emanata da un albero posto in mezzo alle rocce dalla forma particolare, molto caratteristica».
            La voce di Maria SS. ha detto dolcemente:
«Cerca questo luogo! Io ti attendo! La Mia mano farà qui miracoli. Corri!»
            La faticosa ricerca si conclude in maniera misteriosamente provvidenziale alla periferia di Manduria. L’elezione di Dio era caduta su un fazzoletto di terra incolta, divenuta discarica di ogni sorta di rifiuti…
            Maria SS. le appare sull’ulivo sognato, invitando alla conversione, benedicendo l’Italia e tutti i Suoi figli:
«Dite a tutti che Io li attendo ai piedi del Mio albero» (23.12.1995).
«Non Mi fermerò nel distribuire grazie ogni giorno ai piedi del Mio albero e nel mondo, ove la devozione rivelata sarà accolta» (23.11.1999).
Pochi anni dopo il comune assegnerà il nome «Via Padre Pio da Pietrelcina» alla strada che conduce all’uliveto.
Gesù e Maria definiranno questo luogo Celeste Verdura, Oasi di Pace e di Orazione, Getsemani doloroso Mariano, Giardino degli Ulivi della Riparazione.
            Il Trattato della Vera Devozione del Montfort inizia con un solenne “introito”:

«È per mezzo della Santa Vergine Maria
che Gesù Cristo è venuto al mondo
ed è ancora per mezzo di Lei che deve regnare nel mondo».

            Sulla scia di questa affermazione, San Luigi enuclea il principio fondamentale della soteriologia mariana che sottostà all’avvento dei «Tempi di Maria»: «Per mezzo di Maria cominciò la salvezza del mondo e per mezzo di Maria deve essere compiuta».
            Leggendo questi due paragrafi del Trattato in modo sinottico, si apprende una verità fondamentale: la salvezza del mondo – che non si realizzerà senza l’intervento di Maria – si “densificherà” e prenderà la forma storica del Regno di Maria che inaugurerà quello di Cristo. Si tratta del Trionfo del Cuore Immacolato o, detto in altro termini, della Restaurazione completa della Chiesa Cattolica e della Seconda Pentecoste che determinerà l’estromissione di satana e del suo falso spirito dalla faccia della terra.
            Ma cosa c’entrano i consacrati a Maria in questo quadro profetico? Hanno davvero una parte consistente in questo piano mariano di azione? Pare proprio di si…
            I testi biblici che parlano dello scontro trai due eterni nemici, la Vergine Maria e satana, annunciano velatamente un fatto misterioso: la battaglia finale sarà non tra la Donna e il serpente-drago ma tra questi e il «resto della discendenza» della Donna (Ap 12, 17).
            San Massimiliano Kolbe, forte del dato della Tradizione, vede nel calcagno insidiato dal nemico i consacrati alla Vergine che ingaggiano la battaglia decisiva contro il «mistero di iniquità». Essi saranno come «l’appendice di Maria» nel tempo della grande guerra spirituale: «Satana, macchiato di peccato, si sforza di insozzare con esso tutte le anime sulla terra, odia Colei che è stata sempre incontaminata. Pone insidie al calcagno di Lei nei Suoi figli, ma nella lotta con Lei Ella gli schiaccia sempre il capo in ogni anima che a Lei ricorre. La preghiamo di volersi servire anche di noi, se vuole, come di uno strumento per schiacciare nelle anime infelici l’orgogliosa cervice del serpente. Continuando il versetto già riportato, la Sacra Scrittura aggiunge: “E tu porrai insidie al suo calcagno” e in effetti lo spirito del male insidia in modo particolare coloro che si consacrano all’Immacolata, poiché vuole offenderla almeno in essi. Tuttavia i suoi tentativi contro le anime sinceramente consacrate finiscono sempre in una sconfitta ancor più ignominiosa; perciò il suo furore impotente diviene ancor più violento». (www.allchristian.it)